Costruiamo il nuovo Campus insieme! (prima parte)

Ben ritrovati amici e amiche del Campus!

L’attesa è stata lunga ma vi ringraziamo per averci aspettato!

Oggi ci troviamo finalmente a scrivervi queste righe per condividere con voi un processo molto importante per noi e che ci ha visti coinvolti negli ultimi mesi. 

E lo facciamo con il cuore colmo di emozioni diverse, legate ad idee e considerazioni che riguardano il futuro del Campus del Cambiamento e della trasformazione in atto proprio in questo momento.

Come in ogni cosa, l’unica costante della vita è il cambiamento.

Ciò che cambia e si trasforma è vivo, ciò che è statico e immobile, muore.

E il Campus del Cambiamento, con il destino tracciato dal suo stesso nome, ha deciso di cambiare. Ha deciso di evolvere, forte dei presupposti che l’hanno sempre caratterizzato: la condivisione di conoscenza, il potere delle relazioni, la forza del gruppo

Sono stati mesi intensi accompagnati da tante riflessioni su chi eravamo e su cosa avremmo voluto diventare. 

Alcune certezze ci hanno aiutato a far luce nel cammino: il desiderio condiviso di restare fedeli e coerenti alla prospettiva del Campus; l’orizzonte, legato indissolubilmente alla necessità di cambiare, trasformarci e migliorare; la nostra comunità, persone inquiete, animate da un fuoco che brucia dentro che gli sussurra che la vita che hanno sempre sognato non deve essere per forza quella che vivono, che può esserci altro. Persone che hanno una convinzione, potente come il mare in tempesta che trascina tutto a fondo senza pietà. La convinzione di essere responsabili del proprio destino e il desiderio di essere parte attiva del cambiamento. 

E così ci siamo imbarcati in una nuova avventura, solcando il mare dell’incertezza, ancora una volta.

E siamo stati fortunati, perché abbiamo incontrato un meraviglioso gruppo di persone che ha scelto di salire a bordo con noi, ad occhi chiusi, per tracciare insieme la rotta verso l’orizzonte in cui navigheremo.

Il bagaglio che ci portiamo dietro è lo stesso, la bussola che seguiamo anche.

L’equipaggio si è arricchito di gente coraggiosa, curiosa e proattiva che ha portato nuova linfa vitale al progetto. 

Varie tappe hanno scandito il processo. Abbiamo innanzitutto delineato l’obiettivo, il percorso da fare insieme, ovvero quello di creare un Comitato, denominato "Comitato di Transizione", che potesse accompagnare l’evoluzione della realtà del Campus, da Campus del Cambiamento a "Campus Bene Comune".

Nonostante i dubbi iniziali e le resistenze che contraddistinguono spesso le novità, ci siamo fidati del nostro sentire e siamo andati avanti tenacemente, incontro dopo incontro, mese dopo mese, raccontandoci, conoscendoci… L’energia positiva che ognuno portava e l’incoraggiamento che si respirava a ogni incontro, ci ha fatto credere, a ragion veduta, di essere sulla strada giusta. Ci siamo lasciati trasportare da quell’energia e ben presto abbiamo capito che non si trattava solo di sogni ma di un progetto condiviso nella mente e nel cuore di quanti hanno scelto di aderire.

Costruire insieme l’idea del nuovo Campus è stato appassionante ed ha richiesto un intenso impegno immaginativo dando libero sfogo ai nostri pensieri, spesso puntando anche alla luna come siamo abituati a fare. Abbiamo sognato insieme… sono emerse idee incredibili, qualcuno direbbe folli.

Ma noi siamo convinti che senza quel po’ di sregolatezza che ci siamo concessi non avremmo potuto spingerci oltre i nostri stessi limiti e giungere al nostro primo grande traguardo, dopo appena tre mesi… ma di questo, ti racconteremo nel prossimo articolo!

Resta sintonizzato!

Il Comitato di Transizione per il Campus Bene Comune

E tu, cosa ne pensi?

16 Replies to “Costruiamo il nuovo Campus insieme! (prima parte)”

Tonino

Provo a dare libero sfogo ai miei pensieri.

Condivido questa sorta di Manifesto:
il cambiamento (come l’unica costante della vita),
la condivisione della conoscenza, il potere delle relazioni, la forza del gruppo,
la necessità di cambiare, trasformarci e migliorare
L’inquietudine che brucia dentro sussurrandoci che può esserci un altra vita
La convinzione di essere responsabili del proprio destino
Il desiderio di essere parte attiva del cambiamento.
Condivido tutto appieno!!!

Mentre scorgo una sorte di nebbia e insicurezza mista a timore quando leggo queste frasi “Sono stati mesi intensi accompagnati da tante riflessioni su chi eravamo e su cosa avremmo voluto diventare”. Ne comprendo il senso ma…
smuove in me una sorta di fastidio irrazionale.
Mi sembra di cogliere una sorta di timore da parte di chi sa cosa vorrebbe ma non osa.
Arrivo velocemente al dunque: io sento che il punto fondamentale su cui pensare, indagare e confrontarsi sia il concetto di Libertà. Intendo la nostra Libertà personale.
Questa parola quasi banalizzata secondo me è il fulcro, l’essenza della nostra vita.
I punti del Manifesto sono la premessa e Libertà è la conclusione di questo fantastico sillogismo.
Un abbraccio
Tonino

Florinda Pastura

Grazie Tonino per la tua condivisione 🙂
Nebbia, insicurezza, timore… sono probabilmente situazioni/emozioni che ci hanno accompagnato nella fase iniziale, quando ci chiedevamo in che modo poter dare continuità al lavoro meraviglioso svolto negli anni passati e contemporaneamente evolvere.
Il processo di transizione è stato lungo e non esente da difficoltà. Tuttavia non si è ancora concluso. Ogni giorno mettiamo un mattoncino in più nella costruzione della nostra visione e lo spirito che ci accompagna è che il Bene Comune possa essere in costante evoluzione, sempre.
Abbiamo le idee chiare su dove andare, stiamo osando e lo stiamo facendo con la determinazione e il coraggio di chi ci crede sopra ogni cosa!
L’invito che facciamo a chi ci legge, nel caso in cui a qualcuno dovesse risuonare particolarmente ciò che scriviamo e diciamo, è quello di camminare al nostro fianco verso lo stesso Orizzonte e costruire il percorso insieme a noi.
Ci sarà modo e tempo per ognuno di partecipare come può e come desidera.
Un caro abbraccio a te

claudia

sono curiosa e trepidante in attesa del seguito

Florinda Pastura

Grande Claudia! 😀 ci leggiamo presto allora! ❤️

Pier

“Il Paradiso è qui, dovete solo conoscere il modo per viverci. Anche l’Inferno è qui, e voi già conoscete benissimo il modo per viverci.
Vivere liberi è il paradiso, vivere limitati e l’inferno.
Dovete cambiare solo la vostra prospettiva,, il vostro approccio alla vita”
Bhagwan Shree Rajnesh
Questa libertà è la sola su cui abbiamo il potere assoluto!

Florinda Pastura

Grazie per lo spunto di riflessione Pier 🙂

Aurelia Raimo

Mi piace la costituzione e la denominazione del Comitato e ne condivido la visione di fondo
Non mi piace troppo il nome Campus del Bene Comune
Campus del Cambiamento aveva una presa più forte
Non saprei per ora suggerire un nome di maggiore impatto
Ci dovrei pensare

Florinda Pastura

Grazie per il tuo parere Aurelia 🙂
“Campus del Cambiamento come Bene Comune” ci sembrava troppo lungo, cosi abbiamo optato per Campus Bene Comune che vuole dare un’idea sulla visione nuova che stiamo costruendo senza dimenticare le nostre radici… ma in realtà… puoi continuare benissimo a chiamarci Campus del Cambiamento, a me personalmente non dispiace ❤️
Un caro abbraccio

Chiara

Vi seguo, vi sostengo e spero di poterlo fare presto in maniera concreta! Grazie per quello che fate✨

Florinda Pastura

Grazie cara Chiara 🥰
I messaggi di incoraggiamento sono un bellissimo segno concreto, ne abbiamo bisogno e fanno tanto piacere!
Siamo contenti di averti con noi!
Ti abbraccio

Gemma Jeva

Il mio cuore è con voi e penso che tendere verso il Bene Comune sia fondamentale. Ciao Florinda, un grande abbraccio :))

Florinda Pastura

Grazie cara Gemma ❤️
Spero di ritrovarti presto e ti abbraccio anch’io 🤗

Flavia Mirabile

Campus del cambiamento che diventa Campus bene comune. …….. Il cambiamento che non significa ribaltone o stravolgimento, non si può, ma crescita nel rispetto della propria essenza, Si si può e spesso si deve per vivere. Le parole che ho maggiormente condiviso sono state ……….Il bagaglio che ci portiamo dietro è lo stesso, la bussola che seguiamo anche….” . COme un albero allunga i suoi rami e radici e negli anni diventa più forte, mentre contemporaneamente si adatta alle stagioni, calde e fredde, per rifiorire e offrire i suoi frutti ma più buoni. Si si può è si deve. Condivido e vi seguo. A presto. Flavia.

Florinda Pastura

Grazie Flavia! ❤️
Contenti di averti con noi! A presto 🙂

Daniela

💚☀️💐🌺🌼suona, risuona e riecheggia molto forte questo richiamo nel mio cuore… chissà cosa ci porterà la vita.. siamo compagni di viaggio senza averlo mai saputo 🙂
da molto poco inizio a capire qualcosa di me stessa e sento che la stessa natura ci unisce: Anime inquiete.. Spiriti liberi. . Cuore sincero.. Mente che non mente più e si pone al servizio di qualcosa di grande, di immenso e portentoso!

senza comprendere bene fino in fondo il perché .. ma sento che i nostri cammini si sono uniti: spiriti affini… missione comune…

e aspetto con la meraviglia di un bambino di vedere cosa ci riserva la vita. 🙂

So che un giorno ci incontreremo! davvero!
vi guardo e sento che ci conosciamo da molto molto tempo… riconosco sguardi di amici importanti. . por algo será! ;).

contate pure su di me! io ci sono!
Lo so.. sono solo una goccia,. ma tante gocce insieme formano un grande, immenso mare.

buon viaggio!
Dany

Florinda Pastura

Ogni goccia ha un potere inestimabile! Contenta di averti nel mare insieme a noi!
Anch’io so che ci incontreremo e non vedo l’ora!
Per ora, grazie del supporto e a prestissimo cara Dany!
Ti abbraccio forte ❤️

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *