I PER-CORSI ONLINE DI CAMPUS DEL CAMBIAMENTO

Viaggiando nella Pedagogia Viva


Alla scoperta delle nuove frontiere dell’educazione

Un per-corso che ti consentirà di avere una nuova visione dell’educazione grazie all’apporto di discipline emergenti (neuroeducazione, educazione emozionale, psicologia positiva…). Cammineremo insieme per costruire qualcosa di prezioso che avrà il sapore di una bella conquista per tutti!

Prenota ora il tuo posto… il webinar è gratuito!


Presenteremo anche il prossimo per-corso online “Viaggiando nella Pedagogia Viva”

Lunedì 29 Novembre alle 21:15

La tua iscrizione NON è andata a buon fine. Per piacere riprova.
La tua iscrizione al webinar è avvenuta con successo.

I campi contrassegnati con * sono obbilgatori

Ci guiderà in questo viaggio…

Paolo Mai

PAOLO MAI

Papà di quattro figli e co-fondatore dell’Asilo nel Bosco di Ostia Antica e della Piccola Polis. Autore dei libri “L’asilo del bosco nuovo paradigma educativo” e “Pedagogia della bruschetta” (Editrice Tlon).

Diplomato in Educazione Emozionale e Neuroeducazione: “La funzione dell’emozione nell’apprendimento” presso l’università Villa Maria di Cordoba. Educatore, maestro e formatore. Delegato RIEEB – Red Internacional de Educación Emocional y Bienestar e Coordinatore pedagogico dell’Accademia della Pedagogia Viva.

Temi e obiettivi dell’incontro

Lunedì 29 Novembre alle 21:15

Presentazione del per-corso online
“Viaggiando nella Pedagogia Viva”
Momento di domande e risposte con il docente, sui temi che tratteremo durante il per-corso online

Conoscere il docente del per-corso online
“Viaggiando nella Pedagogia Viva”
Comprendere quali strumenti abbiamo a disposizione per attuare il cambiamento della scuola

Anticiperemo che cos’è la Pedagogia Viva, su quali principi si basa e qual è il grande tesoro che può offrire a tutti noi;
Proveremo a disegnare insieme l’orizzonte verso cui desideriamo far muovere la scuola e l’educazione.

“L’unica persona che si può ritenere istruita è quella che ha imparato come si fa ad imparare – e a cambiare”

CARL ROGERS